TTR_TNZ_grieser
    Foto Bob Grieser

    Ethan Brown
    Foto Billy Black

    Il Project Engineer della linea Grand Prix Ethan Brownis, è un ragazzo dotato di grande intelligenza che ha una visione a 360° - dai progetti alle specifiche. Ingegnere meccanico laureato ad Harvard, ha regatato su barche grosse; Ethan si occupa delle specifiche dei winch e dell’attrezzatura in generale, prepara i preventivi per i clienti, gestisce progetti e affianca i tecnici di progettazione.

    Il suo quartiere generale è l’ufficio Harken di Newport, nel Rhode Island, ma spesso lo si può incontrare là dove fa manutenzione ai winch e dove si confronta direttamente con marinai e regatanti a proposito dell’attrezzatura Harken; questo tipo di attività “di scambio” è fondamentale per Harken per continuare a sviluppare e offrire linee di prodotto affidabili e sempre all’avanguardia.

    Evoluzione dei bozzelli TTR AirBlock

    18/6/2013

    Nota del curatore: “Regatare è un bel grattacapo!”, ha detto Peter Harken quando gli è stato chiesto di illustrare l’evoluzione dei prodotti Harken per la Coppa America. Nell’articolo di Ethan Brown si spiega l’evoluzione dei bozzelli TTR AirBlock® – dalla prima “intuizione” del team di progettisti testata durante la Coppa America del 2003 al bozzello pluri-premiato montato sulle barche da regata Grand-Prix, fino alla tecnologia TTR applicata alla linea Black Magic® Big Boat Harken.

    Durante il programma di sviluppo dell’attrezzatura per la Coppa America del 2003, il Senior Engineer Chuck Lob progettò la Super Puleggia, dotata di rulli in acciaio inossidabile ad alta resistenza inseriti in guide esterne e interne in acciaio inossidabile. Questa puleggia poteva essere montata sul bozzello in titanio ULC II Harken (il bozzello di ultima generazione per quella Coppa). Più di una di queste “super-pulegge” furono montate su una barca di Coppa America, ma risultavano troppo pesanti e la guida esterna non rimaneva ferma nella puleggia. Quindi questi prototipi furono accantonati per un po’ di anni.

    TTR Super Sheave

    La Super Puleggia – rulli in acciaio inossidabile / guide interne ed esterne in acciaio inossidabile.

    Alla fine del 2003, cominciai a sviluppare alcuni bozzelli per i TP52, pensando all’attacco morbido ad anello – ad alta resistenza – per gestire la parte portante del bozzello. Questo mi permise di risparmiare peso, sostituendo metallo con tessile. Nella tarda estate del 2004, l’Engineering Manager Steve Orlebeke progettò il nostro primo bozzello per la Coppa America del 2007. Basato sul concetto di “bozzello con attacco morbido”, impiegò lo stesso sistema su sfere, già testato e affidabile, usato nelle tre edizioni precedenti della Coppa; ma, come di consueto, ci bastava l’idea di “rivisitare” una tecnologia che avevamo già proposto.

    Nonostante i suoi difetti, il sistema di cuscinetti della Super Puleggia rese possibile la realizzazione del bozzello più efficiente mai visto prima per quel tipo di carichi! Ed era di gran lunga migliore dell’ULC II o del più perfezionato ULC tra quelli che stavamo sviluppando nel 2005. La pecca maggiore risiedeva nel peso, ma il problema è stato risolto grazie all’attacco morbido. Il team degli ingegneri Harken trovò diverse soluzioni anche ad altri problemi, compreso un rivestimento adatto a prevenire la ruggine dell’acciaio ad alta resistenza provocata dalla salsedine dell’ambiente marino.

    I BOZZELLI

    Bozzelli SSR Loop

    Alla fine di novembre del 2005, mi balenò l’idea di inserire la Super Puleggia in un bozzello con attacco morbido, creando il bozzello SSR Loop. Il primo SSR venne montato su una barca di Coppa America all’inizio del 2006. Come potevamo aspettarci da un prototipo, non furono tutte “rose e fiori”. I bozzelli mostrarono punti di attrito non riscontrati durante i test in fabbrica. Nonostante il nostro laboratorio di prova sia uno strumento preziosissimo, non c’è niente di più utile dei test in mare associati al feed-back dei team di Coppa. Tornati in laboratorio, i test mostrarono che il set di cuscinetti era così efficiente da poter ridurre il diametro della puleggia – mantenendo, appunto, una resa del 98% circa. Le dimensioni ridotte della puleggia fecero sì che l’intero bozzello risultasse più piccolo, e di conseguenza ben più leggero. Tuttavia, il rivestimento protettivo risultò non così perfetto nel prevenire la corrosione; aumentarono così costi e tempi di consegna, e alla fine il peso risultò maggiore del previsto.

    TTR AirBlock®

    Bozzello TTR in lega di titanio

    Bozzelli TTR Loop

    Ulteriori ricerche sui materiali mostrarono che avremmo potuto usare una lega di titanio al posto dell’acciaio inossidabile, ottenendo la medesima efficienza. Il feed-back dei team permise di migliorare l’interfaccia tra la guida interna e le guance, e di perfezionare la geometria delle guance stesse. Contemporaneamente furono fatti anche degli aggiustamenti alla geometria dei cuscinetti. L’utilizzo della lega di titanio fu la ciliegina sulla torta; il bozzello Harken TTR Loop risultò più piccolo, più leggero e più efficiente rispetto ai bozzelli impiegati in Coppa America fino ad allora.

    LA LINEA TTR

    Alla fine della Coppa America del 2007, l’offerta prevedeva solo due versioni del bozzello TTR: la versione da 5 tonnellate era utilizzata a piede d’albero e per le scotte dello spinnaker, mentre la versione da 8 tonnellate era usata per la scotta randa e le volanti basse. A riprova della versatilità del concetto del bozzello Loop, nella primavera del 2007 il J/V IRC 66 Numbers chiese una versione da 6.5 e una da più di 5 tonnellate. E da qui è nata l’opportunità di ampliare l’offerta; verso la fine dell’anno, Numbers divenne la prima barca non di Coppa America a impiegare bozzelli TTR.

    Classe VOLVO 70

    Volvo 70 PUMA

    Volvo 70 PUMA 

    La richiesta di sviluppo successiva venne dai Volvo 70. Il sistema di cuscinetti a sfera TTR aveva contribuito a ridimensionare i carichi elevati prerogativa delle barche di Coppa America, ma la “vita” del bozzello non era stata posta tra le priorità del progetto. Così decidemmo di tornare in laboratorio e, dopo migliaia di test con carichi elevati, ci convincemmo che il sistema su sfere dei TTR avrebbe potuto sopportare un intero giro del mondo. Tuttavia, le condizioni estreme riscontrabili su un Volvo 70 determinarono nuovi problemi, specialmente con i bozzelli di dimensione maggiore. Ci siamo attivati per rendere la puleggia più ampia stabile come quella stretta e per creare lo spazio sufficiente a far passare una seconda scotta con impiombatura.

    Quindi, dopo aver progettato e riprogettato, trovammo la soluzione. Abbiamo modificato “il canale” dove passa la scotta con l’obiettivo di arrivare a un giusto equilibrio tra una puleggia stabile e una puleggia nella quale il carico può essere trasferito dalla scotta in uso e la seconda - quella del cambio. Alla fine, una guancia più lunga garantì tutto lo spazio necessario per la seconda scotta – e in realtà assicurò anche un aiuto effettivo alla stabilità complessiva.

    Speedboat-Billy Black Photo

    Maxi Yacht SPEEDBOAT 

    Banque Populaire 5 & SPEEDBOAT

    La nuova sfida venne da due fronti: da una parte il trimarano classe G di 130 piedi (40 m) Banque Populaire 5, dall’altra l’evoluzione dei Volvo, il Maxi Speedboatlungo 100 piedi (30 m). Prima della fine del 2007, non avevamo prodotto un TTR con massimo carico di lavoro superiore alle 8 tonnellate, e entrambe le imbarcazioni avevano bisogno di bozzelli con massimi carichi di lavoro superiori alle 15 tonnellate – un bel salto!

    Nel solco della tradizione iniziata dai fratelli Harken, i nostri “capitani coraggiosi”, dichiarammo di poter accettare la sfida e poi cercammo di capire come! Fortunatamente il concetto TTR presentava ancora un buon margine di sviluppo. Ancora una volta il bozzello Loop dimostrò la sua flessibilità e ci consentì di progettare dei bozzelli singoli che potessero sopportare un massimo carico di lavoro di 10, 12 e 15 tonnellate. Con queste poche aggiunte alla linea, siamo stati in grado di fornire un pacchetto completo a queste due barche così diverse.

    Oltre la Coppa America

    Il nostro percorso di sviluppo di una nuova generazione di bozzelli per la Coppa America era finalizzato alla realizzazione di un bozzello più efficiente, senza curarci dei costi e assumendo che il peso fosse un’esigenza secondaria. Tuttavia, fu con piacere che scoprimmo che il costo dei bozzelli TTR non era significativamente più alto di quelli ULC II in titanio, e il peso era decisamente minore in rapporto ai medesimi massimi carichi di lavoro. Questo per ragioni diversissime: le pulegge più piccole prevedono meno materiale; la versatilità del bozzello Loop permette di produrre quantità leggermente più alte, consentendo una certa economia di scala; e realizzare le guance in alluminio invece che in titanio rappresenta sicuramente un vantaggio. Ne deriva che la linea TTR ha trovato spazio anche fuori dalla Coppa America, e questo è certamente gratificante. Applicare una tecnologia da Coppa America su molte barche da regata Grand Prix significa continuare a perfezionare la linea TTR!

    Effetto a cascata

    Quanto abbiamo imparato nello sviluppo della linea TTR è stato direttamente applicato alla nostra nuova linea di bozzelli Black Magic® Loop. L’idea di partenza è la medesima, l’attacco morbido che passa al centro della puleggia e che permette di risparmiare peso, sfruttando al massimo i vantaggi del sistema di attacco morbido. Analoga è la geometria delle guance, ma abbiamo aggiunto un perno al centro in modo da poter utilizzare un attacco a Loop per fissare il bozzello Black Magic® Loop alla barca. Grazie a questa versatilità, il bozzello Harken disponibile presso i rivenditori autorizzati rappresenta un piccolo passo avanti rispetto ai bozzelli di ultima generazione impiegati sulle barche da regata Grand Prix.


    UTILIZZIAMO I COOKIES PER UN CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL SITO.

    PER CONTINUARE A USARE IL SITO ACCETTA I COOKIES, ALTRIMENTI ALCUNE PARTI DEL SITO POTREBBERO NON FUNZIONARE CORRETTAMENTE.

    Per saperne di più visualizza la Privacy Policy.

  • United States
  • Australia
  • France
  • Italia
  • New Zealand
  • Polska
  • Sverige
  • UK